CHIEFS @ SPARTANS 2 – 4

Sconfitta onorevole nell’ultima trasferta di regual season

Termina con una sconfitta il road tour dell’Hockey Chiefs Milano, impegnato ieri sul ghiaccio del PalaOlimpico di Torre Pellice dove ha incrociato le stecche con la quotata formazione degli Spartans.

Molte (troppe) le assenze in casa Chiefs (Cerri, Calefati, Passoni, Aprile out per infortunio, Candiani, Stagni, Campani, Gavazzoni assenti per impegni familiari/di lavoro inderogabili) costringono coach Bianconi a rivoluzionare il roster spostando due difensori nel ruolo di ala formando le seguenti coppie: Mengato Bertocchi (per l’occasione capitano e regolarmente in pista nonostante una fastidiosa congiuntivite), Testa Syskov, Franco Teodoro, al centro delle quali si alternano gli unici due centri disponibili, Barbieri e Bertelli (rientrato a roster da solo una settimana). Coperta corta anche in difesa dove girano solo due linee: Piccinno Bianchi e Carretta Simoventi. Difesa della gabbia affidata a Sala.

Il favore del pronostico è tutto per la squadra di casa, che si presenta sul ghiaccio con 4 linee complete dove spiccano i nomi di Orsina (una carriera spesa nelle file della Valpellice tra serie B e C) e Pons (che al pari di Orsina vanta a curriculum anche qualche apparizione nel massimo campionato italiano), ma l’approccio alla gara dei Chiefs è buono. I primi 10 minuti di gioco sono tutti di marca gialloblu che concedono poche occasioni agli avversari e riescono anche a portarsi in vantaggio al 6° minuto di gioco con Barbieri, lesto a sfruttare una situazione sporca in fase di ingaggio e a battere Mollea.
Lo stesso Barbieri potrebbe raddoppiare pochi minuti dopo quando intercetta un passaggio in uscita di zona da parte della difesa spartana e si presenta tutto solo davanti al goalie di casa, ma il tiro finisce alto sopra la traversa. La partita è molto equilibrata: gli Spartans sono ordinati in pista, ma i Chiefs concedono poche occasioni agli avversari (saranno solo 6 i tiri in porta della squadra di casa nel primo periodo). Lo sforzo profuso in fase difensiva li rende però poco lucidi in fase di attacco dove non riescono a trovare il raddoppio sprecando anche una situazione di doppia superiorità numerica. Sono invece gli Spartans a trovare la via della rete sul finire del periodo quando, in una delle poche sbavature difensive, la retroguardia gialloblu consente agli avversari di recuperare un innocuo disco liberato lungo la balaustra e di servire Costabel libero nello slot per il goal dell’1 a 1 che manda le squadre a riposo.

Il pareggio ha l’effetto di svegliare la squadra di casa, che nel secondo periodo entra in pista molto più agguerrita e combattiva, trovando subito la rete del sorpasso, nuovamente con Costabel che realizza con un bel tiro di slap dalla blu. Passano meno di 2 minuti e un errato cambio in fase di transizione lascia scoperta la difesa dei Chiefs e consente agli Spartans una situazione di 3 vs 1, sfruttata nel migliore dei modi da Bertin che porta a due le lunghezze di vantaggio. E’ un uno-due che stordisce i Chiefs e che iniziano a pagare lo sforzo di giocare con solo due centri che impedisce loro di sfruttare al meglio il lavoro di forechecking che tanto ha pagato in altre occasioni. La gara è più spigolosa, non mancano le penalità da entrambe le parti, ma sono gli Spartans a fare la partita e ad essere più pericolosi, trovando a poco più di un minuto dalla fine del periodo anche la quarta rete con Orsina che batte Guccione (subentrato a metà periodo a Sala) e che manda le squadre a riposo sul punteggio di 4 a 1 per la squadra di casa.

Ripreso fiato e riordinate le idee in spogliatoio, i Chiefs rientrano in pista nel terzo periodo determinati a riaprire la partita, andando vicino alla rete con Barbieri, Syskov, Carretta e Bertocchi, ma Mollea si fa trovare sempre pronto. Anche Guccione dall’altra parte ha il suo bel da fare: le forze in casa Chiefs calano e le occasioni per gli Spartans non mancano, ma il goalie gialloblu dimostra tutto il suo valore in più di un intervento. Il periodo sembra avviato a chiudersi senza reti, ma all’ultimo minuto di gioco Mengato devia con il parastinco un tiro di Bertocchi, rendendo meno amaro il passivo.
La partita termina sul punteggio di 4 a 2 per gli Spartans che con questa vittoria riprendono la vetta della classifica della NOHL con 7 punti in 4 partite. I Chiefs restano al terzo posto ancora in corsa per un posto playoff.
Nulla da eccepire sulla vittoria degli Spartans (da segnalare l’ottima prova di Barbara Masoero) che si sono guadagnati i 2 punti in palio con un ottimo secondo periodo dove hanno saputo sfruttare gli errori degli ospiti nel migliore dei modi. In casa Chiefs resta il rammarico di essersi presentati a questo importante appuntamento di regular season con l’infermeria piena e privi di alcuni dei suoi giocatori chiave, ma anche la consapevolezza, nonostante questi imprevisti, di aver giocato a larghi tratti alla pari con gli avversari e, cosa ancora più importante, di aver provato fino all’ultimo secondo di gioco a riaprire la partita. In spogliatoio, premiato, come da prassi, Testa come il migliore della partita in pista in maglia gialloblu.

Ora arriva la sosta natalizia che consentirà (si spera) ai giocatori acciaccati di recuperare al meglio e di presentarsi puntuali in pista per il prossimo appuntamento di campionato in programma il 17 gennaio in casa contro i Crazy Bees Varese.
Hockey Chiefs Milano - Staff

ULTIME NEWS

EVENTI