BEAVERS @ CHIEFS 12 – 3

Note positive nella prima uscita stagionale dell’Hockey Chiefs Milano

Che l’avversario fosse forte lo si sapeva: era stato scelto apposta per la prima amichevole stagionale, per testare il livello di preparazione dopo circa un mese di allenamenti. Nonostante alcune importanti assenze (Capoferri e Mykusof su tutte) e un roster ridotto (solo 9 giocatori di movimento), la compagine di Zanica, campione in carica della GHL, fa sua la gara con un rotondo 12 a 3.
Causa molteplici assenze per acciacchi di inizio stagione (Piccinno e Passoni) o influenza (Calefati, Bertelli) o impegni personali improrogabili (Stagni, Syskov, Bianchi, Maspero), coach Bianconi è costretto a ridisegnare le linee avendo a disposizione solo 3 difensori di ruolo. In prima linea gira la ormai collaudata premiata ditta Mengato Cerri (confermato Capitano anche per questa stagione) – Bertocchi. In seconda Franco Barbieri Aprile (al rientro dopo un anno di pausa per la migliore delle cause, la maternità!); in terza Novo – Pecar – Di Lucia.
In difesa si gira a sole 2 linee con Simoventi Noseda e Bianconi (che, nonostante un problema alla coscia, decide comunque di scendere in pista) – Carretta (spostato in difesa dopo un solo allenamento di prova nel nuovo ruolo). A difesa della gabbia gialloblu: Candiani.

I Beavers, nonostante siano indietro di preparazione e condizione, impongono subito il loro gioco, fisico e dal ritmo elevato, ma Candiani è superlativo sui primi tentativi degli ospiti, superandosi in un paio di interventi anche da terra e mantenendo in parità la partita per buona parte del primo periodo. La pressione è però costante e gli ospiti passano in vantaggio con un colpo da biliardo di Del Rosso che con un rasoghiaccio, non potente ma di una precisione chirurgica, colpisce il palo e fa carambolare il disco in rete. Dopo il goal di Del Rosso, i Beavers trovano meritatamente la via della rete altre 2 volte (alla fine saranno 20 i tiri nel primo periodo da parte degli ospiti verso la porta dei Chiefs!), ma prima della chiusura della frazione di gioco c’è gloria anche per la squadra di casa, con Barbieri che recupera un disco nel terzo offensivo dopo una sortita di Franco e con un potente slap batte Vernile, fino a quel momento poco impegnato.

Nel secondo periodo i Chiefs riescono a giocare meglio, complice anche la stanchezza degli ospiti che iniziano ad accusare il roster corto, e a farsi più pericolosi dalle parti della gabbia avversaria. La partita è più equilibrata, gli ospiti riescono comunque a trovare la via della rete altre 3 volte, ma la nota positiva in casa Chiefs arriva dalla prima linea. Al primo powerplay a disposizione (saranno solo due le penalità fischiate, entrambe contro la squadra ospite, a dimostrazione di una partita dura, maschia, ma sostanzialmente corretta) Cerri vince l’ingaggio, Bertocchi gira il disco a Bianconi che serve Noseda il cui tiro finisce di poco a lato, ma Mengato è più rapido di tutti a recuperare il puck in balaustra e dopo un rapido scambio dietro porta con Cerri, più volte provato in allenamento, gira il disco nello slot a Bertocchi che di prima batte Vernile portando a 2 le reti della squadra di casa. Prima della fine della seconda frazione, i Chiefs vanno nuovamente vicino alla rete, con Barbieri che scappa sulla sinistra, serve al centro Aprile il cui tiro di slap finisce sulla traversa. Si va al riposo sul risultato di 2 a 6.

Le speranze di rimonta svaniscono però in avvio del terzo periodo: i Chiefs pagano lo sforzo profuso nei primi 40 minuti per sostenere il ritmo dei Beavers che, nonostante il roster corto, continuano ad impegnare in modo continuo Candiani, realizzando due reti, portandosi sull’8 a 2. La squadra di casa ha un ultimo sussulto di orgoglio: Simoventi lancia Mengato che entra nel terzo lungo la balaustra, disco all’indietro all’accorrente Cerri che, anzichè tirare, vede Bertocchi libero nello slot che con un preciso one-timer realizza la personale doppietta. A quel punto però i Chiefs non ne hanno proprio più nelle gambe, il ritmo della squadra di casa cala e gli ospiti ne approfittano realizzando altre 4 reti, portando il risultato sul punteggio di 3 a 12 con cui si chiude la partita.

Mattatore della partita Tettamanti, autore di 4 reti e di una partita giocata a ritmo elevatissimo per 3 interi periodi. Sugli scudi anche Fossà che nel finale di partita realizza il personale hat-trick, riscattando alcuni errori di imprecisione dei primi due periodi. In casa Chiefs premiato invece come migliore in campo Igor Carretta che, febbricitante e in difesa, posizione per lui inedita, gioca una partita superiore alle aspettative. Menzione d’onore per Albert Candiani che, nonostante le 12 reti subite, è stato autore di 33 saves, alcune notevoli, evitando un passivo peggiore e tenendo comunque in partita la squadra di casa per almeno 40 minuti.

Per i Chiefs, al di la del rammarico per il risultato, resta la consapevolezza di aver mostrato buone cose in pista con un avversario di caratura decisamente superiore e la sensazione positiva che, lavorando duramente in allenamento per affinare certi meccanismi e migliorare alcuni aspetti del gioco, le soddisfazioni in stagione potranno essere molte.

3 Chiefs Stars of the Match:
1st Igor Carretta #55
2nd Albert Candiani #37
3rd Luca Bertocchi #25


L’Hockey Chiefs Milano desidera ringraziare i Blue Beavers Zanica per l’ennesima piacevole amichevole (l’ultima di ormai una lunga serie), Roman Simunek per essersi prestato come arbitro, e tutto il pubblico presente, in particolare Giorgio Figini, oggi fotografo uffiale in attesa di vederlo in pista in maglia gialloblu.

Hockey Chiefs Milano - Staff

ULTIME NEWS

EVENTI